La carie: come si forma e perché

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section” transparent_background=”off” allow_player_pause=”off” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” custom_padding=”0px|||” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” make_equal=”off” use_custom_gutter=”off”][et_pb_row admin_label=”row” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” use_custom_gutter=”off” custom_padding=”0px|||” allow_player_pause=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” make_equal=”off” parallax_1=”off” parallax_method_1=”off”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

La carie ha origine dalla placca, una pellicola bianco-giallastra presente nel cavo orale, composta da batteri, residui di cibo e saliva. Questa si attacca soprattutto nei punti in cui la pulizia dei denti risulta più difficile (solchi dentali della superficie masticatoria del dente, gli spazi interdentali e il bordo gengivale).

Le fasi della formazione della carie

  • Nella placca ci sono batteri che trasformano gli zuccheri presenti nel cibo in acidi, i quali aggrediscono prima lo strato più superficiale del dente (lo smalto) e successivamente quello sottostante (la dentina);
  • Si forma quindi una cavità (la carie) che parte dalla superficie e procede in profondità fino alla parte più interna del dente (la polpa), causando dolore;
  • La carie, in caso di scarsa igiene orale, può ingrandirsi determinando la distruzione progressiva del dente.

Come rimediare?

È importante sottolineare che un dente attaccato dalla carie non guarisce quasi mai da solo. Tuttavia, quando la carie è in fase iniziale (cioè di colore bianco pallido e liscio) e limitata allo smalto, è ancora possibile un processo di “autoguarigione” del dente attraverso una corretta igiene orale (con prodotti a base di fluoro) e limitando l’assunzione di zuccheri.

Se invece la carie non viene curata, progredisce e forma una cavità nello smalto raggiungendo la dentina. Il dente diventa quindi sensibile al caldo, al freddo e ai cibi dolci. Negli ultimi stadi la carie può raggiungere la polpa dentale e provocare un’infiammazione, spesso molto dolorosa, che può portare alla devitalizzazione del dente.

È fondamentale quindi rivolgersi agli esperti tempestivamente per curare al meglio la carie.

Vuoi avere queste informazioni sempre con te?

Approfondisci con la scheda completa sulla carie dell’AIC – Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa.

[/et_pb_text][et_pb_button admin_label=”Button” button_url=”https://accademiaitalianadiconservativa.it/wp-content/uploads/2014/09/5_AIC-LA-CARIE.pdf” url_new_window=”on” button_text=”SCARICA LA SCHEDA” button_alignment=”left” background_layout=”light” custom_button=”off” button_letter_spacing=”0″ button_use_icon=”default” button_icon_placement=”right” button_on_hover=”on” button_letter_spacing_hover=”0″]
[/et_pb_button][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Articoli recenti