Se sei in dolce attesa ecco i consigli per la tua salute orale

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section” transparent_background=”off” allow_player_pause=”off” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” custom_padding=”0px|||” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” make_equal=”off” use_custom_gutter=”off”][et_pb_row admin_label=”row” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” use_custom_gutter=”off” custom_padding=”0px|||” allow_player_pause=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” make_equal=”off” parallax_1=”off” parallax_method_1=”off”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

Durante la gravidanza è fondamentale curare la propria igiene dentale, sia per la salute della donna che per quella del bambino.

Infatti, i cambiamenti fisiologici legati a questo periodo possono favorire l’insorgere di disturbi orali come sanguinamento delle gengive oppure maggiore rischio carie dovuto agli episodi ripetuti di vomito e nausea, i quali provocano la demineralizzazione dei denti, con erosione dello smalto.

Alcuni accorgimenti possono però ridurre tale rischio:

  • alimentarsi spesso con piccole quantità di cibo nutriente e bere in abbondanza;
  • dopo il vomito, risciacquare la bocca con acqua e bicarbonato, così da neutralizzare l’acidità dell’ambiente orale;
  • dopo avere mangiato, masticare chewing gum senza zucchero o con xilitolo;
  • utilizzare spazzolini da denti delicati e dentifrici al fluoro non abrasivi (lasciar passare almeno mezzora dal pasto prima di lavarsi i denti).

7 suggerimenti per le mamme dal Ministero della Salute

  1. Spazzolare i denti 2 volte al giorno con dentifricio al fluoro e utilizzare filo interdentale;
  2. Limitare ai soli pasti l’assunzione di cibi contenenti zuccheri;
  3. Preferire l’acqua alle bevande gassate e zuccherate;
  4. Preferire la frutta ai succhi di frutta;
  5. Non far passare più di sei mesi dall’ultimo controllo dal dentista;
  6. Contattare subito il dentista per qualsiasi necessità: non c’è nessuna controindicazione ai trattamenti durante la gravidanza;
  7. Non temere se il dentista intende utilizzare farmaci o sostanze particolari (antibiotici, anestetici locali, analgesici, collutori ecc.): basterà comunicare lo stato di gravidanza ed egli sceglierà i presidi corretti.

Inoltre, in caso di necessità il momento migliore per le terapie dentali in gravidanza è tra le 14 e le 20 settimane, quando ormai il rischio per il nascituro è diminuito e tutti gli organi del bambino sono formati.

Nei primi 3 mesi di gravidanza non bisogna effettuare esami radiografici.

Un’ultima importante osservazione da fare è quella di evitare il fumo in gravidanza, il quale costituisce un fattore di rischio per la salute dentale, e non solo.

Vuoi avere queste informazioni sempre con te?

Approfondisci con la scheda completa per le mamme su gravidanza e fluoroprofilassi dell’AIC – Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa.

[/et_pb_text][et_pb_button admin_label=”Button” button_url=”https://accademiaitalianadiconservativa.it/wp-content/uploads/2014/09/2_AIC-PER-LE-MAMME-GRAVIDANZA-E-FLUOROPROFILASSI.pdf” url_new_window=”on” button_text=”SCARICA LA SCHEDA” button_alignment=”left” background_layout=”light” custom_button=”off” button_letter_spacing=”0″ button_use_icon=”default” button_icon_placement=”right” button_on_hover=”on” button_letter_spacing_hover=”0″]

[/et_pb_button][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Articoli recenti